La Preghiera del Garibaldino

ANCA_apoteosi_garibaldi

Al Fante: che nello spirito

garibaldino lotto’, s’immolo’ sui

campi di battaglia per l’unita,

liberta’ e grandezza d’Italia, dona

la pace, Iddio Signore, giusto che

su questa terra i piedi ebbe

lacerati nel difficile cammino,

che nella trincea o nella tana

afferro’ la ruvida roccia con la

brama di piegare il destino

annotando le ore, i timori, le

speranze; e nella scarsa porzione

di pane, macchiata di sangue,

imbrattata di fango, benedir

seppe il nome della Patria e agli

ordini rispose: “Obbedisco”.

Dona il celeste gaudio, Iddio

nostro Signore, a chi in umilta’

accetto’ la morte corporale con le

vesti lacerate e le sembianze di

un antico asceta, il sentiero

purificato nella sofferenza e

nell’attesa, a chi rese la sua fede

come quella di un Santo.

O Signore onnipotente e

buono, fa che nella luce di gloria

viva il suo spirito e l’amore, la

giustizia tra i popoli odiar possa

le armi distruttrici  onde la vita, il

inondo, nella piu’ completa

armonia a noi, ai posteri tutti

sorrida.

AMEN